Juve, ora dipende da te

bonucci

La Juve ha cambiato marcia e, ovviamente, spero non si fermi più.
Respinta fino a -4 dopo la sfortunata trasferta genovese, da quel momento la squadra di Conte - evidentemente messa alle strette - non ha più fallito un appuntamento, recuperando in quattro giornate il distacco accumulato dai rivali.
Con gli interessi.
Siete autorizzati a “grattarvi”, ma essere padroni del proprio destino è un vantaggio mica da ridere.
E Conte, che non è uno stupido, la pensa esattamente così.
Lasciamo pure siano gli altri a riesumare tabelle e a sbirciare su “quanto sta facendo l’avversario”.
La rimonta appariva proibitiva ai cosiddetti “esperti” appena sette giorni fa, ma sono bastate due partite nelle quali la “supercorazzata-superqualitativa-supertutto” rossonera ha collezionato la miseria di un punticino per ribaltare la classifica.
E così il controsorpasso c’è stato, alla faccia di chi da mesi profetizzava l’imminente “allungo decisivo” da parte di Ibrahimovic e soci.
Intendiamoci: come il Milan non aveva ancora vinto questo scudetto dopo Genoa-Juve, adesso non è che alla Nike si debbano già organizzare per far spazio allo scudetto sulla divisa juventina del prossimo anno.
E però innegabile che il Milan sembra la solita squadra Ibra-dipendente, mentre la Juve ha una coralità e uno strapotere - badate bene, non solo fisico - che a questo punto della stagione la investono del ruolo di naturale favorita nella corsa al titolo.
A Palermo, contro un avversario rimaneggiato ma ben sistemato in campo, si è giocato ad una porta sola, quella di Viviano.
Buffon, praticamente in versione spettatore non pagante, ha dovuto preoccuparsi di un mezzo tiro/cross di Miccoli da posizione defilata in 90 minuti.
Per il resto, per i bianconeri si è trattato di strapotere assoluto, passato attraverso l'esibizione di una condizione fisica ottima, trame di gioco a tratti esaltanti - la Juve si sforza di giocare sempre la palla, abitudine molto europea e poco italiana - e, nonostante la consueta scarsa vena realizzativa delle punte, il gruppo regala una sensazione di acquisita maturità, maturità che si traduce in una dote fondamentale: la calma. Questa Juve sembra ormai una squadra che ricorre al furore agonistico per indole, ma un conto è il furore, un conto è l’ansia, che sembra sparita dalle facce degli uomini di Conte.
I ragazzi sembrano giunti ad un tale grado di consapevolezza che li porta a pensare che prima o poi un gol arriverà, e questa convinzione è rafforzata da una solidità difensiva che non può che trasmettere tanta fiducia.
E che gli attaccanti non siano dei fulmini di guerra potrebbe infine non risultare determinante se la solidità e l’organizzazione dei reparti arretrati rimarrà questa fino al termine della stagione.
Insieme a Buffon, questa Juve si fonda su due terzetti di uomini fondamentali: Barzagli-Bonucci-Chiellini e Pirlo-Vidal-Marchisio. Attorno a questi punti fermi, Giaccherini, Pepe, Lichtsteiner, Caceres, Estigarribia e De Ceglie ruotano sugli esterni (i primi due possono giocare anche in mezzo in caso di defezione dei tre califfi) e si giocheranno il posto da qui a fine stagione.
E la gestione del gruppo - e del minutaggio di certi giocatori - che sta attuando Conte è così soddisfacente che l’impressione che se ne ricava è proprio quella di un profondo coinvolgimento di tutti, anche di chi probabilmente per svariati motivi l’anno prossimo non sarà più in bianconero.
Ora sotto con la Lazio, che la tavola è apparecchiata e il gruppo è affamato: sarebbe un vero peccato rimanere a bocca asciutta.

Commenta con noi la partita sul nostro blog.

News

Per Morata lo stop è di 50 giorni.

Per Morata lo stop è di 50 giorni - Espletati gli opportuni accertamenti medici, il sito ufficiale della Juventus ha chiarito la real e entità dell'infortuno patito ieri in allenamento dal neo-acquisto Alvaro Morata. "Al...

C'è poco da stare Allegri...

C'è poco da stare Allegri...

Al mondo esistono, grosso modo, tre categorie di persone: i mediocri, i capaci e gli eccellenti. Si tratta di una considerazione per certi versi approssimativa, ma – non fosse altro perché consente di semplificare ...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Ieri è stata sciolta anche l'ultima riserva: l'11 agosto sarà Demetrio Albertini a contendere a Carlo Tavecchio la poltrona di presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, vacante dal giorno in cui...

Lettera aperta ad Antonio Conte

Lettera aperta ad Antonio Conte

Caro Antonio, questa da te proprio non me l'aspettavo. Le tue dimissioni da allenatore della Juventus che più ho amato in vent'anni di tifo bianconero mi sono piombate addosso come il classico fulmine a ciel ...

Identikit di un Presidente Federale

Identikit di un Presidente Federale

Tavecchio sì, Tavecchio no. E poi Albertini, Vialli, Cannavaro. Chi più ne ha più ne metta. Il caos in cui versa il calcio italiano del post Abete era abbastanza prevedibile. Così come sono prevedibi...

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, il condottiero. Prima soldato in campo, poi generale ai bordi. Partiamo da questo, poi andiamo oltre. Dalle sue dimissioni inaspettate, premature o tardive (a seconda di come la si vuole vedere), fino ad oggi...

Delusione Messi? Mah...

Delusione Messi? Mah...

E' partito il coro dei sedicenti opinionisti. I media italiani compatti a sentenziare: "Fallimento Messi", "Messi nemmeno avvicinabile a Maradona", etc. Gli eventi del passato sono evidentemente avvolti ...

Archivio

Foto Gallery