Juve, ora dipende da te

bonucci

La Juve ha cambiato marcia e, ovviamente, spero non si fermi più.
Respinta fino a -4 dopo la sfortunata trasferta genovese, da quel momento la squadra di Conte - evidentemente messa alle strette - non ha più fallito un appuntamento, recuperando in quattro giornate il distacco accumulato dai rivali.
Con gli interessi.
Siete autorizzati a “grattarvi”, ma essere padroni del proprio destino è un vantaggio mica da ridere.
E Conte, che non è uno stupido, la pensa esattamente così.
Lasciamo pure siano gli altri a riesumare tabelle e a sbirciare su “quanto sta facendo l’avversario”.
La rimonta appariva proibitiva ai cosiddetti “esperti” appena sette giorni fa, ma sono bastate due partite nelle quali la “supercorazzata-superqualitativa-supertutto” rossonera ha collezionato la miseria di un punticino per ribaltare la classifica.
E così il controsorpasso c’è stato, alla faccia di chi da mesi profetizzava l’imminente “allungo decisivo” da parte di Ibrahimovic e soci.
Intendiamoci: come il Milan non aveva ancora vinto questo scudetto dopo Genoa-Juve, adesso non è che alla Nike si debbano già organizzare per far spazio allo scudetto sulla divisa juventina del prossimo anno.
E però innegabile che il Milan sembra la solita squadra Ibra-dipendente, mentre la Juve ha una coralità e uno strapotere - badate bene, non solo fisico - che a questo punto della stagione la investono del ruolo di naturale favorita nella corsa al titolo.
A Palermo, contro un avversario rimaneggiato ma ben sistemato in campo, si è giocato ad una porta sola, quella di Viviano.
Buffon, praticamente in versione spettatore non pagante, ha dovuto preoccuparsi di un mezzo tiro/cross di Miccoli da posizione defilata in 90 minuti.
Per il resto, per i bianconeri si è trattato di strapotere assoluto, passato attraverso l'esibizione di una condizione fisica ottima, trame di gioco a tratti esaltanti - la Juve si sforza di giocare sempre la palla, abitudine molto europea e poco italiana - e, nonostante la consueta scarsa vena realizzativa delle punte, il gruppo regala una sensazione di acquisita maturità, maturità che si traduce in una dote fondamentale: la calma. Questa Juve sembra ormai una squadra che ricorre al furore agonistico per indole, ma un conto è il furore, un conto è l’ansia, che sembra sparita dalle facce degli uomini di Conte.
I ragazzi sembrano giunti ad un tale grado di consapevolezza che li porta a pensare che prima o poi un gol arriverà, e questa convinzione è rafforzata da una solidità difensiva che non può che trasmettere tanta fiducia.
E che gli attaccanti non siano dei fulmini di guerra potrebbe infine non risultare determinante se la solidità e l’organizzazione dei reparti arretrati rimarrà questa fino al termine della stagione.
Insieme a Buffon, questa Juve si fonda su due terzetti di uomini fondamentali: Barzagli-Bonucci-Chiellini e Pirlo-Vidal-Marchisio. Attorno a questi punti fermi, Giaccherini, Pepe, Lichtsteiner, Caceres, Estigarribia e De Ceglie ruotano sugli esterni (i primi due possono giocare anche in mezzo in caso di defezione dei tre califfi) e si giocheranno il posto da qui a fine stagione.
E la gestione del gruppo - e del minutaggio di certi giocatori - che sta attuando Conte è così soddisfacente che l’impressione che se ne ricava è proprio quella di un profondo coinvolgimento di tutti, anche di chi probabilmente per svariati motivi l’anno prossimo non sarà più in bianconero.
Ora sotto con la Lazio, che la tavola è apparecchiata e il gruppo è affamato: sarebbe un vero peccato rimanere a bocca asciutta.

Commenta con noi la partita sul nostro blog.

AD IMPOSSIBILIA NEMO TENETUR

AD IMPOSSIBILIA NEMO TENETUR

Ad impossibilìa nemo tenetur. Per chi conosce il latino, questa frase significa che nessuno è tenuto a fare imprese impossibili. Ed infatti, per chi ricorda le convulse giornate dell’estate 2006, sembrava ...

PER UNA VERITA’ STORICA

PER UNA VERITA’ STORICA

Cari amici, l'avventura che abbiamo iniziato il 5 maggio 2007 è finita. Quando abbiamo messo on line questo sito la nostra squadra del cuore stava vivendo il suo periodo più buio, annichilita nel suo pres...

L'aria d'Europa fa bene alla Juve

L'aria d'Europa fa bene alla Juve

La Juventus espugna l'Etihad Stadium e strappa tre punti importantissimi alla squadra più temuta del girone. Un risultato che molti juventini non si aspettavano e che molti media nostrani temevano. Basta leggere i ti...

Un buon punto in ottica salvezza

Un buon punto in ottica salvezza

No, non sono impazzito. Certo, è una provocazione, ma con questo atteggiamento è davvero il massimo ottenibile. Il pareggio di ieri, sebbene il Chievo abbia ottenuto il gol da un carambola che ha liberato Hetemaj ...

Tutto sul mercato della Juve

Tutto sul mercato della Juve

Abbiamo provato a riepilogare tutto quanto avvenuto in casa Juventus nell'ultima sessione di mercato. Non vogliamo esprimere valutazioni o giudizi (sarà il campo a darli nel corso della stagione) e ci limitiamo, per ...

Pessima partenza in campionato per Allegri

Pessima partenza in campionato per Allegri

La Juventus rimedia un secco 2-1 all'Olimpico. 0 punti dopo due partite è un campanello d'allarme fortissimo e sebbene gli ultimi minuti abbiano mostrato una squadra diversa la sostanza non cambia: la squadra sem...