Da Parma-Juve un pari e segnali incoraggianti

VucinicSe la Juventus doveva pagare dazio alla sorte direi che questo è il momento in cui ciò sta avvenendo.
Un punto in due partite nel nuovo anno: persa come sappiamo quella con la Samp, pareggiata quella di oggi a Parma.
In entrambe le situazioni ci sono attenuanti da considerare: assenze, fatalità, errate valutazioni tattiche e di formazione, errori macroscopici di giocatori solitamente non avvezzi a certe “prodezze” negative.
Anche oggi, il primo tempo di Parma era partito in tono minore, i padroni di casa sembravano più pimpanti e reattivi, mentre i ragazzi di Conte faticavano a tenere il ritmo degli avversari e non riuscivano a proporsi dalle parti di Mirante.
Questo almeno fino alla fase finale del tempo, quando la Juventus prendeva campo e impegnava il portiere emiliano con Padoin, Pirlo e soprattutto Quagliarella, che ha sbagliato quello che a dicembre era riuscito a Matri - praticamente dalla stessa zolla - contro il Cagliari.
La ripresa ha visto subito un Parma meno intraprendente, e una Juve sorprendentemente cresciuta alla distanza sul piano fisico, un buon segnale rispetto alle prestazioni contro Milan e Sampdoria.
Trovato il vantaggio con Pirlo, la gestione della partita è stata per certi versi perfetta: il Parma non riusciva più a rendersi pericoloso e, se una colpa va addossata alla Juve, è la mancanza di ferocia nel tentare di chiudere il match.
Sono d'accordo che davanti qualche problemino ci sia, le statistiche dicono che la Juventus abbia bisogno di 8 tentativi per fare un gol (è fra le ultime in serie A), ma sono altrettanto convinto del fatto che molto dipenda dal lavoro richiesto dal Mister, che spesso porta i giocatori ad essere poco lucidi in fase di conclusione.
E' innegabile che le assenze pesino, soprattutto quelle di Chiellini e Asamoah: manca tutta la catena di sinistra, che in effetti soffre, e proprio da quella parte sono arrivate le tre reti prese in queste due domeniche.
Non può essere un caso.
E' altrettanto indiscutibile che la condizione non sia eccellente, ma lascia speranzosi per il prossimo futuro.
E per finire succede che il Mister suggerisca un gesto tecnico poco assennato al suo più bizzarro pupillo (Vucinic), uno che di solito già si complica la vita di suo e non avrebbe bisogno di suggerimenti troppo fantasiosi.
Frittata fatta.
E così tutti i discorsi sulla gestione della gara vanno a farsi benedire, anche se personalmente resto sempre convintissimo della possibilità di chiudere il discorso scudetto in tempi relativamente brevi.
D'altronde, sarebbe utopico pensare ad una stagione perfetta senza battute d'arresto e qualche episodio sfortunato, roba che non è mai riuscita neppure ai marziani del Barcellona.
Quindi, se deve andare storto qualcosa, meglio accada ora piuttosto che nei momenti decisivi della stagione.
O no?

P.s. Non intendo far polemica, come chi sostiene di essere stato frenato da errori arbitrali.
Voglio puntare il dito su un aspetto diverso, quello mediatico.
A chi associa la Juventus ai favori arbitrali (“siamo l'alibi di chi non vince mai”) suggerisco di analizzare per bene le sviste arbitrali di cui ha goduto la Lazio negli ultimi 7 giorni.
Altro che “i fatti di Catania”.
Eppure, non sento scatenarsi processi.
E voi?

Commenta la partita sul nostro blog!

News

Nemmeno la Lazio ferma una Juve lanciata verso il 33° scudetto.

Juventus-Lazio 2-0 - Il tabellino Juventus: Buffon: Barzagli, Bonucci, Chiellini; Padoin, Vidal (39’ st Sturaro), Pirlo (26’ st Pereyra), Marchisio, Evra; Tevez, Matri (13’ st Morata). A disposizione: Storari, Rubinho, Lichts...

Primo set alla Juve

Primo set alla Juve

Mentre alla vigilia tutti i media, chi credendoci veramente chi gufando con tutto se stesso, dipingevano la partita di ieri come una mera formalità, Allegri avvertiva tutti: il Monaco non è squadra da sottovalutar...

Il Parma suona la sveglia alla Vecchia Signora

Il Parma suona la sveglia alla Vecchia Signora

Ieri mezza Italia ha potuto finalmente gioire in campionato dopo mesi di magra: il Parma riesce nell'impresa al Tardini di fermare la corsa della Juventus. Prima della partita Allegri aveva fatto capire che, come in Cop...

La lezione di Allegri

La lezione di Allegri

Apro quest'articolo porgendo le mie scuse ad Allegri: ero convinto, da come aveva impostato la squadra, che Allegri avesse inculcato nella testa dei giocatori il pensiero fisso della Champions, potendo concedersi il lusso i...

La settimana santa sorride alla Juventus

La settimana santa sorride alla Juventus

Sabato è iniziato un mese durissimo per la Juventus, un mese che deciderà le sorti della stagione fin qui disputata, poiché ci sarà una partita ogni 3 giorni da affrontare. Con la vittoria della Roma...

Cosa rimane dopo la Cassazione

Cosa rimane dopo la Cassazione

Nonostante per ora vi sia a disposizione soltanto il dispositivo della sentenza, i soliti giornali colpevolisti della prima ora (tra cui spicca quello di colore rosa), si sono subito affrettati a commentare la decisione dei giu...

Speciale Calciopoli – reloaded: Z, realizziamo i vostri sogni

Speciale Calciopoli – reloaded: Z, realizziamo i vostri sogn…

Nel precedente articolo dello Speciale sulle motivazioni della sentenza d’Appello del processo Calciopoli relative al capo O ("Speciale Calciopoli - reloaded: O, quando telefonare a Biscardi è reato") ci ...

Archivio