Il modello de' noantri: il triangolare onesto NFF-iBP basato sul fattore "giovani arbitri"

smileIl dibattito, da sempre molto caldo e sostenuto soprattutto nei bar sportivi, ma ultimamente anche in solenni aule di tribunale, è spesso basato sulle argomentazioni logico-deduttive dei teorici a sfondo rosa. Stiamo parlando delle famose partite di Serie A truccate, e all’interno di queste soprattutto quelle dalla Juventus dagli albori della Serie A ad oggi. Stimolati dallo studio (fanta-)scientifico di due cervelli bocconiani, uno in fuga, ci siamo detti: Eureka! Ma vuoi vedere che anche un umile laureato in una Università statale italiana possa seguire il varco aperto da cotanti scienziati e sviluppare il proprio modello?

Ci siamo avventurati anche noi su questo territorio per dare un contributo costruttivo al dibattito con un modello che tenta l’identificazione del potere corruttorio delle società di calcio. Il tema, già ampiamente affrontato nella comunità scientifica, dallo studio seminale in O. Canà (1984), Zeman et al. (1997, 2009) e prime teorizzazioni (para-)scientifiche in Gianni e Pinotto (1936), rimane sempre molto ostico ma anche agnostico (cit.). Il nostro modello supera alcune difficoltà metodologiche dei succitati studi inserendo una nuova variabile: “l’arbitro giovane” nucin-facchetti-facchettiano. Data l’ampiezza dell’argomento trattato, specialmente in riferimento alla quasi infinita quantità di accuse di partite truccate rivolte alla Juventus, siamo stati costretti a restringere il campo d’indagine. Per questa ragione ci siamo dovuti limitare all’analisi dei campionati dal 1999/00, data d’insediamento del duo Bergamo e Pairetto, presunti cupolari, al 2009/10 l’ultima stagione di Collina come designatore unico. Partendo dalla stagione 2001/02, quella, per intenderci, del suicidio di massa milanese in quel di Roma, stadio Olimpico, nel famoso 5 (cinque) Maggio, verificheremo poi il modello su un orizzonte temporale più ampio suddividendo lo stesso in due sotto-periodi: la fase cupolara (1999-2006) e la fase del calcio pulito (2006-2010) facendo un raffronto tra i risultati ottenuti dalla truccatrice di campionati, la Juventus, e dagli onesti di Milano, l’Internazionale.

L'articolo è strutturato in tre parti: una breve parte introduttiva seguita dalla descrizione del modello. La verifica emipirica e le conclusioni concludono questo studio. Invitiamo volentieri già da ora altri studiosi a riprendere il modello e ampliare il periodo di validazione empirica, generalizzando le conclusioni, ove fossero confermate.

Introduzione
É sostanzialmente da quando è nato il calcio in Italia che si vocifera di fantomatiche partite truccate dalla Juventus per arrivare a vincere lo scudetto. Dalle prime teorie scientifiche rudimentali basate sul sillogismo: "In Italia si ruba" - "la Juventus è in Italia" ---> "la Juventus ruba", alle più sofisticate associazioni lineari: "Chi vince ruba" e dati alla mano, ecco la Juventus. Il progresso tecnologico, nonché il costante aumento d'interesse da parte del mondo accademico ha portato a rivedere e migliorare queste teorie, tuttavia la maggior parte dei modelli oggi in uso nei migliori bar dello sport, reali e/o virtuali, prende spunto in un modo o nell’altro dalla suddetta associazione lineare. Il nostro è un tentativo, ci auguriamo non isolato, di andare oltre.

Il modello NFF-iBP
Il supporto teorico del nostro modello ce lo fornisce il triangolo onesto Nucini-Facchetti-Facchetti Jr (NFF), il quale, per gentile concessione dei valorosi pm Narducci e Capuano, tramite il proprio portavoce, Facchetti Jr., in data 15 Marzo 2011, riferito al campionato 2001/02, afferma in tribunale che: “Fece notare, a proposito appunto di quell’anno, come in quell’anno alla società Juventus toccarono una quantità di arbitri molto giovani e che quindi, ovviamente, andando ad arbitrare una società così importante, avevano molta più paura di sbagliare e, nel timore di sbagliare, ovviamente favorivano la squadra con il peso maggiore”.

Prima di presentare il modello decliniamo il concetto di “arbitro giovane”. In questo contesto un arbitro si definisce “arbitro giovane” ogniqualvolta dirige una squadra potente sia nell’anno della sua promozione alla Can A&B sia in quello successivo.

Passiamo quindi ad enunciare il metodo scientifico di identificazione delle partite truccate: è cosi', se vi pare, perché ce lo dice il triangolo onesto Nucini-Facchetti-Facchetti Jr.

Sulla base di cio’ possiamo formalizzare il nostro modello, l’indice Blackmail Power (iBP), che misura il potere ricattatorio di una squadra nei confronti del settore arbitrale:

iBP = bph * tr_agh + bpa * tr_aga (1)

dove

bph, blackmail_power_home, è il peso dato alle designazioni di "arbitri giovani" per le partite in casa
bpa, blackmail_power away, è il peso dato alle designazioni di "arbitri giovani" per le partite in trasferta
tr_agh, totalreturn_arbitrigiovani_home, è il totale dei punti ottenuti in casa con gli "arbitri giovani"
tr_aga, totalreturn_arbitrigiovani_away, è il totale dei punti ottenuti in trasferta con gli "arbitri giovani"

Abbiamo specificato il modello usando anglicismi, tanto per aggiungere un tocco di autorevolezza al tutto.

Imponiamo la condizione: bph + bpa =1 di modo tale che la somma dei pesi associati alle designazioni equivalga l’unità. Estendendo il concetto del triangolo onesto NFF, introduciamo il seguente assioma: gli "arbitri giovani" sono maggiormente condizionabili se la squadra potente gioca in casa. Di conseguenza associamo dei valori differenti ai due pesi: bph= 0.8; bpa=0.2.

Diamo i classici 3 punti a vittoria, un punto per il pareggio e 0 punti per una sconfitta. Più è elevato l’indice iBP, maggiore è il potere ricattatorio della squadra. L’indice è una funzione monotona crescente rispetto al numero di partite arbitrate dai "giovani arbitri" in cui si ottengono punti.

Verifica empirica
Nell’anno 2001/02 la Juventus ha avuto un iBP pari a 7.2, derivante da tre partite tutte e tre in casa arbitrate da “arbitri giovani” (due da Matteo Trefoloni e una da Tiziano Pieri). Gli onesti milanesi invece hanno ottenuto un valore pari a 0 (zero), ovvero nessuna partita arbitrata da un “arbitro giovane”, nessuna. Olé: gioco, partita, incontro!!! Abbiamo dimostrato scientificamente che la Juve ha tanto potere corruttorio, mentre l’onesta Internazionale non ne ha nessuno. Tuttavia, ci diciamo, una rondine non fa ancora primavera. Noi un po’ ci crediamo, tanto lo dicono tutti che la Giuve ruvvva. Ma per scrupolo e per essere assolutamente certi di poterlo affermare scientificamente, ampliamo l’orizzonte d’indagine ai due sotto-periodi, il “regno cupolaro” Bergamo-Pairetto e quello “onesto e pulito” dal 2006 in poi. Quello che purtroppo siamo costretti a pubblicare qui di seguito è allo stesso tempo triste e stupefacente ed invitiamo coloro i quali sono convinti della tesi di fermarsi qui e di non continuare a leggere, tanto una prova del potere corruttorio l’abbiamo già dato.

Per chi avesse il coraggio di andare fino in fondo ecco i risultati: mentre per il periodo “cupolaro” della durata di ben 7 (sette) stagioni la Juventus ottiene un iBP complessivo di 12.6, ovvero una media di 1.8 a stagione, l’onesta Internazionale FC di Milano nel periodo “onesto e pulito”, soltanto 4 (quattro) stagioni, ottiene un iBP complessivo di 18.2, con una media di 4.6 a stagione, più di due volte e mezzo (2.5:) lo score annuale della Juventus in quello che per bar e giornali dal colore e contenuto spesso rosa viene indicato come il periodo “cupolaro”. Come è possibile? O la teoria enunciata dal triangolo onesto NFF è un'immane cazzata oppure negli ultimi tempi gli onesti milanesi l’hanno applicata in modo molto superiore rispetto alla Juventus della cupola. Quale delle due sarà la verità? Noi non ci sbilanciamo. Proveniamo da un'umile Università statale. Preferiamo aspettare il giudizio dei grandi cervelli (fanta-)scientifici.

Fonti:

Promozioni arbitri CAN serie A e B:
1998 La Gazzetta 20 giugno 1998
1999 LA Gazzetta 18 giugno 1999
2000 La Gazzetta 22 giugno 2000
2001 La Gazzetta 2 luglio 2001
2002 La Gazzetta 3 agosto 2002
2003 La Gazzetta 23 giugno 2003
2004 La Gazzetta 6 luglio 2004
2005 La Gazzetta 5 luglio 2005
2006 La Gazzetta 5 agosto 2006
2007 La Gazzetta 6 luglio 2007
2008 La Gazzetta 4 luglio 2008
2009 La Gazzetta 1 luglio 2009

risultati partite (ringrazio GliAmiciDiBiagio)
http://www.wikicalcioitalia.info/


Prossima partita

JUVENTUS-BOLOGNA

Serie A

19 aprile 2014, ore 18.30

Foto Gallery