Orgasmico

NarducciBeppe Narducci come Austin Powers. E chissenefotte se ieri, dopo due anni di dibattimento durante il quale sono venute fuori più magagne che nei film della serie Scuola di Polizia, era giunto il momento di tirare le somme di tutto quanto, ma proprio tutto. Beppe no. Lui arriva in tribunale in sella al suo PX125 truccato, con il capello lungo dietro sul collo, le Timberland, il Moncler arancione e la fibbia El Charro grande come un 45 giri e parte alla conquista delle tre sfitinzie, la Tere la Franci e la Mary.

In fondo non sarebbe difficile, basterebbe dire - parola più parola meno - che c'era una volta un'indagine sul calcio, che la Procura di Torino aveva archiviato perché aveva scoperto che il maggiordomo non solo non era l'assassino, ma talvolta capitava pure che la vittima glielo appoggiasse da dietro senza tanti preliminari. Che quell'indagine era poi passata a Napoli, dove era arrivata un sacco di roba dentro a un baule dal doppio fondo e che per qualche motivo - certamente grave e del quale ci si sarebbe occupati al più presto - di quel doppio fondo nessuno aveva parlato e quindi nessuno aveva cercato.

Niente da fare. Beppe non ci pensa nemmeno, e per spiegare un presunto, presuntissimo scandalo degli anni duemila, prende la rincorsa da trent'anni indietro. Austin Powers traslato avanti di vent'anni, visto che l'originale era rimasto ai '60 mentre, per il nostro, "il calcio è storia di illegalità dal 1980". Che con questo principio - senza prenderci troppo sul serio, per carità - tanto valeva dire che Enzo Tortora qualcosa doveva aver fatto perché in fondo, prove o non prove, i pappagalli rompevano i coglioni da milioni di anni ma chi più di lui, con Portobello, ne aveva rinverdito la molestia invogliando gli italiani a ficcarsene in casa interi stormi?

Per lui, per Beppe, il processo in pratica non c'è mai stato. Come ibernato nel frigo dei gelati sopra al quale il giornale rosa ha costruito la propria vita da star, il Beppe ha rimestato le stesse identiche accuse - smentite da decine di testimoni sotto giuramento, oltre che da risultanze oggettive e analisi che sarebbe stato elementare e soprattutto doveroso svolgere quand'era ora - dell'estate 2006. E a questo punto diventa davvero interessante, stabilito che di fare un passo indietro non se ne parla per nessuno, vedere fino a che punto il parallelismo tra il percorso esistenziale della Juventus e quello giudiziario di questo processo - fino a oggi ambedue lanciati a tutta velocità verso un fondo da scavare a oltranza - saranno capaci di procedere a braccetto.

Se non ci fosse da ridere, ci sarebbe da piangere.

News

La Champions League è del Barça.

Juventus-Barcelona 1-3 - Il tabellino Juventus: Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Evra (dal 89' Coman); Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal (dal 78' Pereyra); Tevez, Morata (dal 84' Llorente). A disposizione: Storari, Ogbonna, Pa...

Caso Catania: “il non-illecito strutturato”

Caso Catania: “il non-illecito strutturato”

Clamoroso al Cibali: il presidente etneo Pulvirenti ha confessato ad un pm di aver comprato, a 100.000 euro l’una, cinque partite dell’ultimo campionato di Serie B. Si tratta di: Varese-Catania, Catania-Trapani, Lat...

Calciopoli, la resa dei conti

Calciopoli, la resa dei conti

Ci siamo. Con la pubblicazione delle motivazioni del giudizio che la Corte di Cassazione aveva emesso il 23 marzo, si conclude la vicenda penale di calciopoli. Quelle motivazioni porteranno a prendere atto anche della conclusio...

Pagellone stagionale

Pagellone stagionale

Di solito a fine stagione, soprattutto se si sono ottenuti grandi risultati, è facile lasciarsi andare a valutazioni anche troppo entusiastiche. Non in questo caso. Abbiamo cercato di evitare di farci influenzare da valu...

La sfortuna europea colpisce ancora

La sfortuna europea colpisce ancora

È stata una finale combattutissima dalla Juventus: davvero poco si può rimproverare alla squadra, ma purtroppo è andata così: il Barcellona vince la sua quinta coppa dei campioni, e rende onore agli ...

Benvenuta Stella d'argento

Benvenuta Stella d'argento

L'11 giugno la Coppa Italia contenuta nella bacheca bianconera avrebbe dovuto compiere 20 anni. Tuttavia, ieri il conteggio si è azzerato: conquistando il secondo obbiettivo stagionale, quello a detta di tutti pi&ugr...

La Juventus strappa il biglietto per la finale

La Juventus strappa il biglietto per la finale

Una Juventus arcigna e mai doma ha inchiodato sul pareggio il Real delle dieci coppe, conquistandosi l'accesso a una finale che mancava ormai da 12 anni. Eppure alla vigilia in casa Real tutto sembrava già fatto: Anc...

Foto Gallery