I love Ju: o dell'eterno dilemma tra calcio e morosa

i love juTitolo: I love Ju
Autore: Jonathan Arpetti
Editore: Cult
Anno: 2010
N° Pagine: 330
Prezzo: Euro 13,00
Prefazione di Marcello Chirico

Oggi recensiamo un libro che parla di Juve senza parlare di Farsopoli. E’ il romanzo del marchigiano Arpetti, che mette in scena la storia di Giacomo, tifoso bianconero maniacale e ossessivo che si trova ad affrontare il più classico degli aut aut della morosa: o io o la Juve. Morosa di cui è innamorato e che ha un nome che inizia nel modo più bello che un tifoso della Juve possa immaginare: “Julia”. Con un nome così non potrebbe essere che lei la donna della sua vita, ma Julia pretende che lui vada a vederla recitare proprio la sera della semifinale di andata Real Madrid–Juve, quella mitica del 2003, senza sapere che Giacomo ha già comprato il biglietto per Madrid. Così scoppia la crisi.
L’arco temporale in cui si svolge la storia è racchiuso proprio nel mese che intercorre fra semifinale e finale di quell'edizione di Champions League, l’ultima che vide una Juve protagonista. Sarà un mese decisivo per Giacomo, che dovrà cercare di salvare il proprio amore e nel contempo far accettare a Julia la sua passione/ossessione per la Juve. E sul volo di ritorno da Madrid, proprio mentre tra Giacomo e Julia è piena guerra fredda, entrerà in scena una fascinosa terza incomoda che, dopo una notte di bagordi, gli procurerà un paradossale scompenso durante la finale col Milan, una delle trovate più divertenti del libro.
Se un punto debole c'è in questo romanzo sta nella rappresentazione dell’ipocondria del protagonista, a volte un po’ greve. Azzeccate e interessanti alcune trovate narrative, come i brevi monologhi interiori di Julia e, soprattutto, le note che Arpetti mette all’inizio di tutti i capitoli, attraverso le quali consente al lettore di seguire assieme la storia d’amore del tifoso e quella ultracentenaria della Juve, ripercorrendone gli episodi salienti e i personaggi principali.

News

Infinita Calciopoli

Calciopoli non è finita: anzi, potrebbe ricominciare - Ad essere sotto accusa stavolta sono i comportamenti di chi ha condotto le indagini. Grazie ad un esposto dell'ex arbitro Dondarini, la Procura di Roma ha aperto un’inchi...

Fermi tutti! Abbiamo scoperto un genio...

Fermi tutti! Abbiamo scoperto un genio...

Io, Crazeology, italiano, molto pugliese di origine, ma torinese doc, nel pieno delle mie facoltà mentali, oggi, qui, di fronte a tutti, ho deciso di confessare le mie colpe di Juventino non abbastanza Ju29ro. Non chiedo...

Ma 'ndo vai se la banana non ce l'hai?

Ma 'ndo vai se la banana non ce l'hai?

Ma...'ndo vai? se la banana non ce l'hai vieni con me te la faro' vede' vengo con te me la farai vede'  bella Hawaiana  Banana italiana! (Alberto Sordi e Monica Vitti - Polvere di...

Che magnifico inizio!

Che magnifico inizio!

Dal documento programmatico di Carlo Tavecchio: - "Le questioni di accoglienza sono un conto, le questioni del gioco sono un altro. L'Inghilterra individua dei soggetti che entrano se hanno professionalità p...

C'è poco da stare Allegri...

C'è poco da stare Allegri...

Al mondo esistono, grosso modo, tre categorie di persone: i mediocri, i capaci e gli eccellenti. Si tratta di una considerazione per certi versi approssimativa, ma – non fosse altro perché consente di semplificare ...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Ieri è stata sciolta anche l'ultima riserva: l'11 agosto sarà Demetrio Albertini a contendere a Carlo Tavecchio la poltrona di presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, vacante dal giorno in cui...

Lettera aperta ad Antonio Conte

Lettera aperta ad Antonio Conte

Caro Antonio, questa da te proprio non me l'aspettavo. Le tue dimissioni da allenatore della Juventus che più ho amato in vent'anni di tifo bianconero mi sono piombate addosso come il classico fulmine a ciel ...