L'ufficializzazione dell'ovvio che fa notizia

del pieroChe una non-notizia sia diventata una notiziona, in fondo, è già di per sé una non-notizia. Il presunto "licenziamento" di Alex Del Piero da parte di Andrea Agnelli durante l'assemblea dei soci 2011, in fondo, per i media non è stato altro che il primo spunto davvero cavalcabile dopo anni di assemblee, quelle sì, simili a vere e proprie tonnare, ma delle quali non conveniva raccontare troppo, domande e, soprattutto, non-risposte. Per capirci, Massimilano Nerozzi de La Stampa, sull'applauso che ieri ha accolto le dimissioni di Jean-Claude Blanc dal CdA (e dalla storia) della Juventus, scrive: "Condanna non del tutto giustificata, dato che è stato soprattutto Blanc a portare brillantemente a termine la costruzione del nuovo stadio". Senza ironia, proverei ad inviare un curriculum a L'Equipe.

Quale sia il messaggio, se ce n'è uno, che il presidente della Juve abbia voluto inviare ai naviganti attraverso l'ufficializzazione dell'ovvio, non lo so. E, al contrario di Moggi, manco mi interessa. Perché se nell'immancabile sermone radiofonico serale Lucianone ha subito bocciato Andrea Agnelli nei tempi, nei modi e nella sostanza, avesse almeno avuto la bontà di spiegarci perché lui e la dirigenza di allora a quelle stesse conclusioni sulla storia di Del Piero alla Juventus fossero arrivati già cinque anni e mezzo fa. Ma siccome tutti, e lui per primo, qualsiasi cosa dicano o facciano la dicono e la fanno sempre e solo per il bene della Juventus, anche stavolta facciamo spallucce e passiamo oltre. E in bocca al lupo per Napoli.

In poche parole, senza stare a sgranare il rosario dei record in quasi vent'anni di carriera in bianconero, che nessuno potrà mai cancellare o sminuire, penso che semplicemente sia giusto così. Nella speranza che arrivi il più presto possibile l'ultima tacca su di una corteccia che di spazio per le tacche non ne ha praticamente più, ovvero un gol nel nuovo stadio, direi che in una storia come quella tra Del Piero e la Juventus gli spazi vuoti da colmare si possano ragionevolmente considerare esauriti. Dopo quello che è successo in questi anni, di cui nessuno potrà mai sentirsi fino in fondo solo vittima, credo sia giusto per tutti i potenziali totem fare un passo indietro e lasciare che sia prima di tutto il legame tra la Juventus e il nome Agnelli, con tutto ciò che questo ha significato in quasi un secolo, a rinsaldarsi il più possibile. Perché gli applausi di scherno verso chi scappa dalle macerie possano lasciare il posto ad altri, sinceri, per i Del Piero di domani.

News

Semifinale CL: la Juve sfiderà il Real Madrid

- Semifinale di Champions 2014/15: Juventus-Real Madrid Il sorteggio delle scorse ore ha scritto il destino dei bianconeri nella corsa in Champions League 2015. Il verdetto dell'urna di Nyon dice che sarà il Real Madrid il prossimo ...

La Juve torna semifinale dopo 12 anni

La Juve torna semifinale dopo 12 anni

È stata forse una delle partite più sofferte della stagione: una Juve irriconoscibile, lenta, imprecisa nei passaggi e a tratti irritante è riuscita comunque a inchiodare il Monaco sul punteggio di 0-0 e a ...

La Juventus regola la Lazio

La Juventus regola la Lazio

Una vittoria importantissima quella ottenuta ieri dalla Juventus nel suo stadio, soprattutto se pensiamo a come è arrivata. Questa partita si inseriva a cavallo del doppio scontro col Monaco, ed era quindi presumibile as...

Primo set alla Juve

Primo set alla Juve

Mentre alla vigilia tutti i media, chi credendoci veramente chi gufando con tutto se stesso, dipingevano la partita di ieri come una mera formalità, Allegri avvertiva tutti: il Monaco non è squadra da sottovalutar...

Il Parma suona la sveglia alla Vecchia Signora

Il Parma suona la sveglia alla Vecchia Signora

Ieri mezza Italia ha potuto finalmente gioire in campionato dopo mesi di magra: il Parma riesce nell'impresa al Tardini di fermare la corsa della Juventus. Prima della partita Allegri aveva fatto capire che, come in Cop...

La lezione di Allegri

La lezione di Allegri

Apro quest'articolo porgendo le mie scuse ad Allegri: ero convinto, da come aveva impostato la squadra, che Allegri avesse inculcato nella testa dei giocatori il pensiero fisso della Champions, potendo concedersi il lusso i...

La settimana santa sorride alla Juventus

La settimana santa sorride alla Juventus

Sabato è iniziato un mese durissimo per la Juventus, un mese che deciderà le sorti della stagione fin qui disputata, poiché ci sarà una partita ogni 3 giorni da affrontare. Con la vittoria della Roma...