L'han presa bene

galliani berlusconiSe oltre che juventino fossi pure Travaglio, direi che non c'è nulla di più paradossale che sentire Berlusconi parlare di ingiustizia per il gol non convalidato a Muntari, e di scandalo per la conferma delle tre giornate di squalifica a Ibra, proprio nel giorno della prescrizione con rinfresco per il processo Mills ("Mezza giustizia è fatta"). Insomma: quando c'è di mezzo lui, giustizia mai.

E' che io sono solo juventino, e della peggior specie, ovvero della migliore, cioè di quelli per nulla fieri di avere espiato con la B o orgogliosi di aver "cacciato Moggi", pertanto di Berlusconi non parlo. E non parlo nemmeno del suo luogotenente e amministratore delegato il quale, secondo i pissi pissi di chi era nei paraggi, nella sfuriata pre-malore messa in scena contro tutti nell'intervallo di Milan-Juve, avrebbe apostrofato Conte con una battuta sui capelli trapiantati. Che uno guarda la faccia incastonata nella testa cromata di Galliani, quella color campo centrale del Roland Garros incastonata nella testa mogano Ikea intenso di Berlusconi, e se ha passato i quaranta telefona subito a papà per chiedergli come si sente.

Ma le cose della Juve, così come quelle della vita, son fatte di priorità, pertanto, via Berlusconi e via Galliani, della think tank rossonera non rimane che Carlo Pellegatti. Dei tre sicuramente il più equilibrato, sabato sera ha serenamente accettato il verdetto del campo senza concedere spazio alle recriminazioni. D'altra parte, la scuola è quella storicamente sobria di Casa Madre, che mai - e sfido chiunque a sostenere il contrario - si è concessa il lusso di fomentare gli animi o alimentare sospetti in quasi trent'anni di onorata carriera da disinteressata - Attilio Auricchio sarebbe fiero di me - entità mediatica nazionale.

Conte è un malato di mente, Chiellini il solito provocatore, e tra un cazzo rompi i coglioni e un vai a casa e muto, la chiosa finale sulla Juventus che, al pari del suo allenatore, non conosce vergogna. Detto da uno che, nell'anno di Calciopoli, ha disputato e poi sollevato al cielo la Champions League

E pensare che mancavano Ibra e Boateng. Che sfiga, maledizione.

News

La capolista se ne va!

Juventus-Chievo 2-0 - Il tabellino Juventus: Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini, Evra (27' st Padoin); Vidal (17' st Lichtsteiner), Marchisio, Pogba; Pereyra (40' st Pepe); Tevez, Morata. A disposizione: Storari, Rubinho, Barzagli...

Mezzo passo falso della Juve a Udine

Mezzo passo falso della Juve a Udine

Il pareggio della Roma in casa aveva fatto ben sperare i tifosi juventini, che già pregustavano un ulteriore allungo in classifica ai danni degli uomini di Garcia. Purtroppo la partita di Udine si è rivelata molto...

Udinese-Juventus 0-0

Udinese-Juventus 0-0

Buffon: Due parate non facili e tanti interveti su palle in area. Solo una lieve indecisione su palla spiovente in area. Oggi il migliore della Juve. E se il portiere è il migliore in campo c'è qualcosa che no...

Prima i media, poi le Procure

Prima i media, poi le Procure

Risale a quattro mesi fa la più recente occasione nella quale ci eravamo occupati dell'indagine denominata "Last bet". Ora, Repubblica ci fa sapere che, dopo oltre 4 anni di inchieste su 250 indagati, i P...

Il polpo Paul

Il polpo Paul

Una piccola precisazione sulla questione Pogba, con la consapevolezza che potrà essere interpretata come impopolare, ma... pazienza. Io sarei anche un po' stanchino (cit.) di sentire i cori "non si vende Pogba...

Pogba piega il Chievo

Pogba piega il Chievo

Domenica di calcio davvero goduriosa per i tifosi bianconeri: alla vittoria casalinga sul Chievo non riesce a rispondere la Roma, che al Franchi non va oltre l'1-1, consentendo alla Vecchia Signora di portare a 7 le lunghez...

Juventus-Chievo 2-0

Juventus-Chievo 2-0

Buffon: Unico brivido sul 2-0: palla bucata da Bonucci e successivo tiro di Schelotto che colpisce il palo. Voto 6. Caceres: Molto attento in difesa. Due grandi chiusure su ripartenza del Chievo. Molto bene anche in appoggi...