L'han presa bene

galliani berlusconiSe oltre che juventino fossi pure Travaglio, direi che non c'è nulla di più paradossale che sentire Berlusconi parlare di ingiustizia per il gol non convalidato a Muntari, e di scandalo per la conferma delle tre giornate di squalifica a Ibra, proprio nel giorno della prescrizione con rinfresco per il processo Mills ("Mezza giustizia è fatta"). Insomma: quando c'è di mezzo lui, giustizia mai.

E' che io sono solo juventino, e della peggior specie, ovvero della migliore, cioè di quelli per nulla fieri di avere espiato con la B o orgogliosi di aver "cacciato Moggi", pertanto di Berlusconi non parlo. E non parlo nemmeno del suo luogotenente e amministratore delegato il quale, secondo i pissi pissi di chi era nei paraggi, nella sfuriata pre-malore messa in scena contro tutti nell'intervallo di Milan-Juve, avrebbe apostrofato Conte con una battuta sui capelli trapiantati. Che uno guarda la faccia incastonata nella testa cromata di Galliani, quella color campo centrale del Roland Garros incastonata nella testa mogano Ikea intenso di Berlusconi, e se ha passato i quaranta telefona subito a papà per chiedergli come si sente.

Ma le cose della Juve, così come quelle della vita, son fatte di priorità, pertanto, via Berlusconi e via Galliani, della think tank rossonera non rimane che Carlo Pellegatti. Dei tre sicuramente il più equilibrato, sabato sera ha serenamente accettato il verdetto del campo senza concedere spazio alle recriminazioni. D'altra parte, la scuola è quella storicamente sobria di Casa Madre, che mai - e sfido chiunque a sostenere il contrario - si è concessa il lusso di fomentare gli animi o alimentare sospetti in quasi trent'anni di onorata carriera da disinteressata - Attilio Auricchio sarebbe fiero di me - entità mediatica nazionale.

Conte è un malato di mente, Chiellini il solito provocatore, e tra un cazzo rompi i coglioni e un vai a casa e muto, la chiosa finale sulla Juventus che, al pari del suo allenatore, non conosce vergogna. Detto da uno che, nell'anno di Calciopoli, ha disputato e poi sollevato al cielo la Champions League

E pensare che mancavano Ibra e Boateng. Che sfiga, maledizione.

News

Vernissage Villar Perosa 2014 - La parola a Elkann, Marotta e Allegri

A Villar Perosa si è potuto ieri assistere al consueto vernissage di inizio stagione: la prima squadra ha sconfitto per 6-1 i ragazzi della Primavera. Le parole di  John Elkann, Giuseppe Marotta e Massimiliano Allegri; e quelle di Chie...

Soltanto un allenatore

Soltanto un allenatore

Premessa: i tifosi della Juventus dovrebbero sempre ringraziare Antonio Conte per quanto fatto e vinto con la maglia bianconera in tredici anni da giocatore e in tre da allenatore. Era e rimane una figura di assoluto spicco nel...

Antonio, ma sei proprio sicuro sicuro sicuro?

Antonio, ma sei proprio sicuro sicuro sicuro?

A dir la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità, anche quella più scomoda, Antonio Conte ci aveva avvertito. In passato ci aveva avvertito che forse un giorno avrebbe potuto sedersi s...

Da Juventino infradito a Juventino tradito

Da Juventino infradito a Juventino tradito

Sottotitolo mediterraneo - Minchia, tre anni (con quella lieve cadenza siciliana)   Gli ultimi tre anni li ho passati in infradito ma non alla maniera di Nicola Legrottaglie, più che altro alla mia maniera. ...

Tavecchio for President!

Tavecchio for President!

Crazeology Serious Mode On. Nelle scorse settimane mi sono permesso un rilassamento estivo particolare, molto divertente, ossia quello di giocare un po' alla mia maniera sul personaggio Carlo Tavecchio e sulle sue acrob...

Tanto rumore per nulla

Tanto rumore per nulla

Nel nostro pezzo pubblicato ieri, abbiamo riportato quanto previsto dallo Statuto della Figc in merito alla composizione dell'Assemblea elettiva e al valore attribuito ai voti dei 278 delegati. Se ne possono ricavare alcune...

Il campionato estivo

Il campionato estivo

E insomma no? Sono sulla spiaggia che mi preparo tranquillo per andare a prendere un paio di cozze per cucinare una bella spaghettata allo scoglio. A un certo punto, sento chiamare il mio nome. Alzo la testa e vedo il mio vicin...

Archivio