L'han presa bene

galliani berlusconiSe oltre che juventino fossi pure Travaglio, direi che non c'è nulla di più paradossale che sentire Berlusconi parlare di ingiustizia per il gol non convalidato a Muntari, e di scandalo per la conferma delle tre giornate di squalifica a Ibra, proprio nel giorno della prescrizione con rinfresco per il processo Mills ("Mezza giustizia è fatta"). Insomma: quando c'è di mezzo lui, giustizia mai.

E' che io sono solo juventino, e della peggior specie, ovvero della migliore, cioè di quelli per nulla fieri di avere espiato con la B o orgogliosi di aver "cacciato Moggi", pertanto di Berlusconi non parlo. E non parlo nemmeno del suo luogotenente e amministratore delegato il quale, secondo i pissi pissi di chi era nei paraggi, nella sfuriata pre-malore messa in scena contro tutti nell'intervallo di Milan-Juve, avrebbe apostrofato Conte con una battuta sui capelli trapiantati. Che uno guarda la faccia incastonata nella testa cromata di Galliani, quella color campo centrale del Roland Garros incastonata nella testa mogano Ikea intenso di Berlusconi, e se ha passato i quaranta telefona subito a papà per chiedergli come si sente.

Ma le cose della Juve, così come quelle della vita, son fatte di priorità, pertanto, via Berlusconi e via Galliani, della think tank rossonera non rimane che Carlo Pellegatti. Dei tre sicuramente il più equilibrato, sabato sera ha serenamente accettato il verdetto del campo senza concedere spazio alle recriminazioni. D'altra parte, la scuola è quella storicamente sobria di Casa Madre, che mai - e sfido chiunque a sostenere il contrario - si è concessa il lusso di fomentare gli animi o alimentare sospetti in quasi trent'anni di onorata carriera da disinteressata - Attilio Auricchio sarebbe fiero di me - entità mediatica nazionale.

Conte è un malato di mente, Chiellini il solito provocatore, e tra un cazzo rompi i coglioni e un vai a casa e muto, la chiosa finale sulla Juventus che, al pari del suo allenatore, non conosce vergogna. Detto da uno che, nell'anno di Calciopoli, ha disputato e poi sollevato al cielo la Champions League

E pensare che mancavano Ibra e Boateng. Che sfiga, maledizione.

News

Infinita Calciopoli

Calciopoli non è finita: anzi, potrebbe ricominciare - Ad essere sotto accusa stavolta sono i comportamenti di chi ha condotto le indagini. Grazie ad un esposto dell'ex arbitro Dondarini, la Procura di Roma ha aperto un’inchi...

Che magnifico inizio!

Che magnifico inizio!

Dal documento programmatico di Carlo Tavecchio: - "Le questioni di accoglienza sono un conto, le questioni del gioco sono un altro. L'Inghilterra individua dei soggetti che entrano se hanno professionalità p...

C'è poco da stare Allegri...

C'è poco da stare Allegri...

Al mondo esistono, grosso modo, tre categorie di persone: i mediocri, i capaci e gli eccellenti. Si tratta di una considerazione per certi versi approssimativa, ma – non fosse altro perché consente di semplificare ...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Ieri è stata sciolta anche l'ultima riserva: l'11 agosto sarà Demetrio Albertini a contendere a Carlo Tavecchio la poltrona di presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, vacante dal giorno in cui...

Lettera aperta ad Antonio Conte

Lettera aperta ad Antonio Conte

Caro Antonio, questa da te proprio non me l'aspettavo. Le tue dimissioni da allenatore della Juventus che più ho amato in vent'anni di tifo bianconero mi sono piombate addosso come il classico fulmine a ciel ...

Identikit di un Presidente Federale

Identikit di un Presidente Federale

Tavecchio sì, Tavecchio no. E poi Albertini, Vialli, Cannavaro. Chi più ne ha più ne metta. Il caos in cui versa il calcio italiano del post Abete era abbastanza prevedibile. Così come sono prevedibi...

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, il condottiero. Prima soldato in campo, poi generale ai bordi. Partiamo da questo, poi andiamo oltre. Dalle sue dimissioni inaspettate, premature o tardive (a seconda di come la si vuole vedere), fino ad oggi...

Foto Gallery