Da trionfatore a martire

ConteNonostante le disparità perpetrate dal 2006 in avanti dalla giustizia sportiva siano state ed ancora oggi siano talmente evidenti da aver indotto una Juventus rinsavita a procedere con vari gradi di ricorsi, oltre ad una multimilionaria domanda di risarcimento, per richiedere una parità di trattamento, Palazzi e la Procura federale, ovviamente appoggiati dalla quasi totalità dei media, continuano imperterriti a guardare in una sola ed unica direzione. Mentre per altre casate si è scelta la via della prescrizione e dell'archiviazione, e mentre ancora oggi si archivia con sufficienza tutto quanto non è bianconero, al contrario alle zebre contano i peli del culo. Hanno imparato a farlo quando la zebra era seduta e sorridente e non hanno perso l'abitudine anche se la zebra è in piedi e scalcia.

Antonio Conte oggi rappresenta il valore aggiunto della Juventus, il Top Trainer o Top Coach, più semplicemente l'allenatore che, con il metodo, l'umiltà, la cultura del lavoro e l'abitudine a lottare per vincere assimilata a Torino quando ancora indossava il numero 8, è riuscito a sbaragliare in un solo anno tutte le altre pretendenti al titolo conquistandolo da imbattuto con soli 3 giocatori in stiracchiata doppia cifra: 10 goal a testa per Matri, Vucinic e Marchisio e a scendere tutti gli altri, 8 Vidal, 6 Pepe e 5 Del Piero. Pare chiaro chi sia il motore della Juventus 2.0 di Agnelli. Pare chiaro quale debba essere l'obiettivo per bastonare nuovamente la Juventus, e non sul campo, perché non vi riescono, ma negli stanzini bui, pieni di carte e parole, fumosi anche se l'ultima sigaretta è stata spenta chissà quando, stanzini blindati dove se viene aperta una finestra è solo per dar confidenza a un pentito, non certo per cambiare aria. L'aria è sempre la stessa, è stantia dal 2006. Nulla a che vedere con l'odore dell'erba bagnata, con il sudore, con le urla per insegnare come si fa. Insomma, nulla a che fare con Conte.

Ci sono un paio di cose che non son chiare a lor signori. La prima è che non siamo più nel 2006, abbiamo imparato a conoscere la giustizia sportiva, abbiamo imparato a capire come avvengono certi ragionamenti, abbiamo imparato come comunica la Federazione sia all'interno che verso l'esterno, con le mezze frasi, con le mezze notizie diffuse e riprese dai Galdi o dai Palombo di turno, lo abbiamo imparato e lo abbiamo diffuso. Oggi non c'è nemmeno uno juventino che crede a tutta questa storia. A partire dalla società, che supporta senza remore il proprio allenatore, sostenendolo e supportandolo anche legalmente. Oggi non ci sono mogli o vedove, oggi non ci sono avvocati che chiedono la squalifica per 3 anni perché hanno letto le carte, oggi non ci sono rampolli che dichiarano di stare vicino solo alla squadra, magari lo pensano, ma non lo dicono, sicuro che non lo dicono. Oggi c'è la Juventus, e sopratutto ci sono tutti i suoi tifosi, uniti, compatti, che credono solo a Conte e a quello che ha sempre rappresentato. Ci siamo tutti e andiamo dove ci porta la nostra testa, il nostro cuore e le nostre gambe.

La seconda cosa che non hanno capito è proprio Conte. Antonio Conte uomo, Antonio Conte padre, non Antonio Conte allenatore e juventino. Un uomo che ha già dimostrato di che pasta è fatto, consapevole dei propri principi, uno che non accetta di pagare sulla propria pelle qualcosa che non ha commesso. Conte non patteggia, Conte e insieme a lui la Juventus vanno fino in fondo. Lo scrive a chiare lettere Alvaro Moretti su Tuttosport: "Dicevamo che la Juve, seguendo lo struggente e bellissimo inno dei Reds di Liverpool, non lascerà solo Conte. E non solo per quanto riguarda la sua difesa processuale affidata, oltre che al proprio legale personale, agli avvocati Michele Briamonte e Luigi Chiappero. La società crede profondamente nella versione di Conte e contesta quella di Carobbio. Darà battaglia per quel condottiero che l'ha riportata alla vittoria con le sue partite vissute come battaglie. In caso di squalifica, Conte dovrà giocare la partita più dura: trasmettere la sua anima dagli spalti dello Stadium, dopo le dure lezioni di Vinovo o le vigilie sulla pelouse dell'Old Trafford o del Camp Nou. Le regole lo consentono, l'amore di tutti - dirigenti e tifosi - lo rende imprescindibile. Con tutte le conseguenze del caso, se del caso".

Se per urlare la propria innocenza Conte lo dovrà fare dalle tribune, se dovrà rinunciare a guidare i ragazzi dalla panchina, se dovrà limitarsi ad allenare a Vinovo e a tenere le conferenze stampa, ebbene lo farà, ma senza rinunciare a combattere e a cercare di ottenere la verità fino a quando gli sarà possibile farlo. I tifosi, dal primo del divano all'ultimo sugli spalti, son sicuro che si mobiliteranno per sostenere società e allenatore senza indugi. Non otterranno nulla, non hanno capito che più ci fanno incazzare e più scendiamo in campo determinati. Non ci vogliamo più fermare, non vogliamo più farci rappresentare da dirigenti improvvisati senza storia e senza colore nel cuore. Vogliono far passare Conte da persona disonesta? Non ci riusciranno, l'unico risultato che otterranno sarà quello di farlo passare da trionfatore a martire sportivo.

Non hanno idea di quanto possa far male.

 

Commenta i deferimenti di Palazzi sul nostro blog!


Prossima partita

JUVENTUS-BOLOGNA

Serie A

19 aprile 2014, ore 18.30

Foto Gallery