Ci fosse un canide che glielo dice

morattiIeri sera le Iene hanno intervistato Massimo Moratti. Peccato non abbia potuto farlo io, perché ora vi racconto come avrei ribattuto ad alcune affermazioni del patron nerazzurro.

Iniziamo. Il presidente della seconda squadra di Milano afferma: “Perché ci ho messo 10 anni per vincere lo scudetto? Non era facile, c’erano dei magheggi durante Calciopoli, ragion per cui li hanno beccati, e forse ci saranno stati anche prima, ma avevano la fortuna che nessuno li intercettasse”. Innanzitutto sono dell’idea che se veramente si fosse voluto controllare approfonditamente il sistema calcio i magistrati avrebbero dovuto svolgere indagini ed intercettare tutti i dirigenti delle squadre di calcio di Serie A; ma probabilmente questo a loro non interessava poiché ciò non è avvenuto: basti pensare alle dichiarazioni rese da Coppola a Napoli. Come non era accaduto anche relativamente all’indagine sul doping, che era stata indirizzata a senso unico in seguito ad alcune dichiarazioni rilasciate ai giornalisti da un allenatore che non aveva mai messo piede negli spogliatoi della Juventus. Le ricordo invece, presidente Moratti, che un giocatore tenuto da Lei sotto contratto, Grigoris Georgatos, in un’intervista ha affermato: “Io non ho mai fatto uso di anabolizzanti nella mia carriera, ma ho visto alcune cose ed ho capito cosa stava accadendo. L’Inter non aveva niente a che fare, ho visto giocatori prendere pillole e fare iniezioni, c’erano gruppi di persone che rifornivano i giocatori…“. In quel caso la Juve era uscita pulita dall’indagine. E se qualcuno ha avuto la fortuna di non essere intercettato, sicuramente non è chi era alla guida di quella squadra in quegli anni. Lei credo comunque sappia che prima di Calciopoli ci furono altri scandali nel sistema calcio (giocatori con passaporti falsi, regali di ingente valore ad arbitri e designatori, squadre che si accordavano per ripianare i bilanci…). Ci furono anche dirigenti che frequentavano arbitri in attività cercando di procurare loro un posto di lavoro alla fine del loro servizio all’AIA, e che furono invece quei dirigenti “fortunati” ad essere sottoposti ad indagini svolte da società investigative private.

Continuando l’intervista Moratti dichiara: "Con l’attuale società Juventus devo essere sincero tutto bene. Se godo a vedere la loro classifica? Più che essere contento mi meravigli che non sia arrivata nemmeno in Europa League”. Vorrei vedere come potrebbe essere altrimenti, dico io: dal 2006 in poi la Juventus ha avuto dirigenti che si ispiravano ai valori di Facchetti, ha accettato, anzi, praticamente chiesto, la serie B senza battere ciglio, Le ha dato a prezzo di saldo giocatori del calibro di Vieira ed Ibrahimovic… comprendo anche la Sua commiserazione...

Sul capitolo Andrea Agnelli e l’esposto alla Figc ecco cosa risponde il petroliere ecologista: “E’ un ragazzo preparato, molto serio e quindi gli auguro di rimanere sempre sereno perché è una cosa necessaria per superare i momenti di difficoltà. Quello scudetto è nostro, ne scelga un altro, non quello lì” . Se Palazzi in seguito alle nuove intercettazioni uscite in fase dibattimentale a Napoli (scoperte dalla difesa di Moggi), che coinvolgono particolarmente Lei e Facchetti, decidesse di toglierle lo scudetto a tavolino, Lei direbbe di voler restituire quello vinto dall’Inter nel 1988-1989? A prescindere dal fatto che decidere la restituzione non spetta a Lei, ma alla Figc.
L’ultima chicca del presidente degli onesti: ”Ho dimenticato i nomi degli acquisti pessimi, l’affare di cui vado più orgoglioso è la vendita di Ibrahimovic”. L’unica plusvalenza realizzata dalla sua gestione, credo che sia impossibile da dimenticare; per quanto riguarda gli acquisti pessimi vediamo un po’ se ricorda qualcuno di questi giocatori. Le facilito la memoria, qui Le faccio un elenco dal quale scegliere, comprensivo di allenatori.
Portieri (15): Ballotta, Bindi, Carini, Cordaz, Ferron, Fontana, Frey, Frezzolini, Julio Cesar, Mazzantini, Nuzzo, Orlandoni, Pagliuca, Peruzzi, Toldo
Difensori (63): Adani, Andreolli, Angloma, Barollo, Bergomi, Bia, Blanc, Bonucci, Brechet, Burdisso, Z. Camara, F. Cannavaro, Centofanti, Cirillo, Coco, Colonnese, M.Conte, Cordoba, Dellafiore, Domoraud, Favalli, Ferrari, Festa, Franchini, Fresi, Galante, Gamarra, Georgatos (due volte), Gilberto, Gresko, Grosso, Helveg, Macellari, Maicon, Materazzi, Maxwell, Mezzano, Mihajlovic, Milanese, Padalino, A. Paganin, M. Paganin, Panucci, Pasquale, Pedroni, Pistone, Potenza, Rivas, Roberto Carlos, Samuel, Sartor, M. Serena, Silvestre, Simic, Sorondo, Tarantino, Tramezzani, Vivas, West, Wome, J. Zanetti, Ze Maria.
Centrocampisti (66): Almeyda, Aloe, Beati, Belaid, Berti, Bianchi, Biava, Binotto, Brocchi, Cambiasso, Carbone, Cauet, Cinetti, Dabo, Dacourt, Dalmat, D’Autilia, Davids, Dell’Anno, Di Biagio, Djorkaeff, Emre, Fadiga, Farinos, Figo, Gonzalez, Guglielminpietro, Ince, Jonk, Jugovic, Karagounis, Kily Gonzales, Lamouchi, Luciano, Maa Boumsong, Manicone, Marino, Morfeo, Moriero, Nichetti, Okan, Orlandini, A. Orlando, Paulo Sousa, Peralta, Pinto Fraga, Pirlo, Pizarro, Rebecchi, Seedorf, Seno, Sergio Conceiçao, Sforza, Shalimov, Simeone, Solari, Stankovic, Trezzi, Vampeta, Van Der Meyde, Veron, Vieira, Winter, Zanchetta, C. Zanetti, Zé Elias.
Attaccanti (42): Adriano, M.Altobelli, Baggio, Batistuta, Bergkamp, Branca, Caio, Choutos, Colombo, Corradi, Crespo (due volte), Cruz, Delvecchio, Di Napoli, Ferrante, D. Fontolan, Ganz, Germinale, Ibrahimovic, Kallon, Kanu, R. Keane, Martins, Meggiorini, Momenté, Mutu, Pacheco, Pancev, Rambert, Recoba, Robbiati, Ronaldo, Ruben Sosa, Russo, Sinigaglia, Slavkovski, Hakan Sukur, Ventola, Veronese, C. Vieri, Zamorano.
Allenatori (14): Bianchi, Castellini (due volte), Cuper, Hodgson (due volte), Lippi, Lucescu, Mancini, Simoni, Suarez, Tardelli, Verdelli, Zaccheroni.
Ecco, caro Presidente, qui sopra ha una bella serie di motivi validi per giustificare le Sue sconfitte ed i Suoi bilanci, non cerchi sempre alibi ai quali aggrapparsi… Le figure di merda stia pure tranquillo capitano a tutti nella vita.

News

La Champions League è del Barça.

Juventus-Barcelona 1-3 - Il tabellino Juventus: Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Bonucci, Evra (dal 89' Coman); Marchisio, Pirlo, Pogba; Vidal (dal 78' Pereyra); Tevez, Morata (dal 84' Llorente). A disposizione: Storari, Ogbonna, Pa...

Caso Catania: “il non-illecito strutturato”

Caso Catania: “il non-illecito strutturato”

Clamoroso al Cibali: il presidente etneo Pulvirenti ha confessato ad un pm di aver comprato, a 100.000 euro l’una, cinque partite dell’ultimo campionato di Serie B. Si tratta di: Varese-Catania, Catania-Trapani, Lat...

Calciopoli, la resa dei conti

Calciopoli, la resa dei conti

Ci siamo. Con la pubblicazione delle motivazioni del giudizio che la Corte di Cassazione aveva emesso il 23 marzo, si conclude la vicenda penale di calciopoli. Quelle motivazioni porteranno a prendere atto anche della conclusio...

Pagellone stagionale

Pagellone stagionale

Di solito a fine stagione, soprattutto se si sono ottenuti grandi risultati, è facile lasciarsi andare a valutazioni anche troppo entusiastiche. Non in questo caso. Abbiamo cercato di evitare di farci influenzare da valu...

La sfortuna europea colpisce ancora

La sfortuna europea colpisce ancora

È stata una finale combattutissima dalla Juventus: davvero poco si può rimproverare alla squadra, ma purtroppo è andata così: il Barcellona vince la sua quinta coppa dei campioni, e rende onore agli ...

Benvenuta Stella d'argento

Benvenuta Stella d'argento

L'11 giugno la Coppa Italia contenuta nella bacheca bianconera avrebbe dovuto compiere 20 anni. Tuttavia, ieri il conteggio si è azzerato: conquistando il secondo obbiettivo stagionale, quello a detta di tutti pi&ugr...

La Juventus strappa il biglietto per la finale

La Juventus strappa il biglietto per la finale

Una Juventus arcigna e mai doma ha inchiodato sul pareggio il Real delle dieci coppe, conquistandosi l'accesso a una finale che mancava ormai da 12 anni. Eppure alla vigilia in casa Real tutto sembrava già fatto: Anc...

Foto Gallery