Mughini a Moratti: "E' ancora colpa di Moggi?"

mughiniRiprendiamo da Libero del 23 settembre 2011 questo pezzo dell'amico, ju29rissimo, Giampiero Mughini.

Gentile presidente Moratti,

sono allarmatissimo per le sorti della sua Inter. È successo difatti che le abbiate buscate più volte in quest’ultime settimane, ciò che vi era successo spesso fino a quando non eravate riusciti a sgominare nel 2006 «l’associazione a delinquere» che falsava i tornei a favore della Juve. Prima che scendessero in campo Guido Rossi, un eccellente magistrato milanese che confessava di non sapere nulla di calcio, e il tenente colonnello Auricchio, era per voi impossibile vincere: i delinquenti filo-juventini compravano tutto e tutti. E che altro potevano fare con le squadrette che si ritrovavano? Dopo che giustizia (sportiva) è stata fatta, dopo il 2006, dopo che il compito di fare i gol lo avete affidato a Ibrahimovic e non più a Recoba, è stata per voi una passeggiata trionfale. E questo fino all’anno mirabile del “triplete”, un’impresa sportiva dinnanzi alla quale non finirò mai di togliermi il cappello. Così come sempre mi sono tolto il cappello innanzi alle grandi vittorie dell’Inter di Peppin Meazza, di Giacinto Facchetti, dell’Inter dell’anno trapattoniano.
Bene, e adesso che succede? Possibile che voi perdiate sul campo, che prendiate più pappine di quante riuscite a metterne dentro? Impossibile, e a meno di una spiegazione. E cioè che l’«associazione a delinquere» moggiana ha rialzato la testa. Hanno ricominciato a telefonare a tutto spiano - forti di schede svizzere o altre - ad arbitri e designatori e quant’altro, telefonate da cui si guardavano bene i dirigenti delle altre grandi squadre.
Da come lei ha ripetutamente raccontato la storia del calcio italiano recente, e cioè che nei tornei in cui arrivavate quinti o anche ottavi, era tutta colpa delle malefatte di Moggi. E dunque perché non dovrebbe essere così anche oggi? Se le avete buscate è perché qualcuno ha telefonato a vostro danno. È vero che Lei si è già premunito assumendo uno dei migliori allenatori italiani, quel Mister Ranieri al quale vanno i miei saluti fraterni oltre che la gratitudine per quel che è riuscito a spremere in due anni da un rinsecchito limone juventino. Ma Ranieri non basta. Ci vuole Auricchio, di cui spero che nella vostra bacheca la foto si stagli accanto a quella di “Veleno” Lorenzi e di cento altri vostri campioni. I gol che vi hanno assicurato il vostro quattordicesimo scudetto li ha fatti lui, mica Recoba. Sguinzagli Auricchio, gentile presidente.
E a meno che il calcio non c’entri niente affatto con le telefonate di chicchessia a chicchessia. Forse il calcio sta semplicemente nel fatto che undici neri vanno contro undici bianchi, e ci sono anni in cui vincono i neri perché sono più forti, e anni in cui vincono i bianchi perché sono più forti. Anni in cui vinsero Luisito Suarez e Sandro Mazzola e Armando Picchi e Mariolino Corso, perché in campo non c’era nessuno alla loro altezza. L’anno in cui la Juve di Fabio Capello arrivò a 91 punti, perché non c’era squadra italiana che non venisse “asfaltata” da quei fuoriclasse che poi si giocarono in famiglia la Coppa del mondo. L’anno in cui Milito e soci hanno sommato tre grandi vittorie, e non c’era trippa per nessun altro. Succede poi nel calcio vero, non quello millantato al telefono, che le generazioni si esauriscano e restituiscano il bastone del comando. Si esaurì la generazione degli juventini campioni del mondo nel 1982. Si esaurì la generazione stellare di giocatori milanisti modellati da Arrigo Sacchi. S’è forse esaurita, gentile presidente, la magnifica generazione dei vostri campioni di questi ultimi anni. Succede. È il calcio, quello vero. E quanto a telefonate, e per quel poco che contano, sarà divertente ascoltare la telefonata tra un designatore e un arbitro alla vigilia di un memorabile Inter-Juve di alcuni anni fa. La telefonata che la difesa di Moggi esibirà al processo di Napoli nell’udienza di martedì 27. Auguri, gentile presidente. Quanto al torneo in corso, vinca il migliore. Com’è sempre stato.

News

Milan-Juve: la decide ancora l'Apache.

Milan-Juve 0-1: il tabellino. Le statistiche del match.   Milan-Juve 0-1 - Il tabellino. MILAN: Abbiati; Abate, Rami, Zapata, De Sciglio; Poli (31' st Torres), De Jong, Muntari; Honda (38' st Pazzini), Menez, El Shaarawy (...

Juve-Cesena ’81: un tennistico 6-1 ai romagnoli

Juve-Cesena ’81: un tennistico 6-1 ai romagnoli

Il 13 settembre del 1981, la sfida casalinga col Cesena rappresentava per Zoff e compagni la gara che avrebbe inaugurato il campionato 1981-82.  Eliminati nel girone di Coppa Italia dal Torino, i nostri cercavano un pronto...

Visti dalla Est - Madunina edition

Visti dalla Est - Madunina edition

Trasferta difficile contro i più titolati del mondo (a periodi da stabilire e a targhe alterne). Cavalcando analogie con il primo periodo contiano, i diavoli rossoneri hanno però dimenticato alcuni piccoli par...

Milan-Juventus 0-1

Milan-Juventus 0-1

Buffon: Una gran parata su Honda nell'unico tiro in porta del Milan. Voto 6,5. Caceres: Gioca solo 30' controllando agevolmente El Sharaawy (voto 6). Esce per infortunio, gli subentra Ogbonna che sulla destra gioca ...

Milan-Juventus: Greatest hits

Milan-Juventus: Greatest hits

Al netto di quello che può valere la classifica alla terza giornata, la sfida del Meazza di sabato sera rappresenta il primo grande appuntamento delle Serie A 2014/15. Si troveranno di fronte infatti due delle uniche tre...

Dal mercato al campo

Dal mercato al campo

  A volte una tabella aiuta molto più di mille parole. Questa  riassume il mercato della Juventus e mette a confronto la rosa 2013/14 con quella per la nuova stagione.       ...

Visti dalla Est - Champions edition

Visti dalla Est - Champions edition

Anni di delusioni ma anche tante serate epiche hanno portato alla conclusione che la Champions League, almeno nel girone, non sia altro che un mini-torneo da vincere assolutamente, difficilmente caratterizzato da gioco spumeggi...

Archivio

Foto Gallery