Breve e conciso

tifosiLa giornata di oggi o di domani è e sarà più importante di sabato sera, senza ombra di dubbio. Ciò che deve interessarci sono le conseguenze mediatiche e di palazzo susseguenti agli errori arbitrali. Il Milan, proprio per bocca del suo presidente vicario lo aveva annunciato. Ancora una parola fuori posto o dai toni alti e sarà rappresaglia. E ora faccela vede' 'sta rappresaglia quando ti sei rimesso, Adriano!

La prima considerazione da fare è, ricordandomi i consigli per gli acquisti di Cambiaghi, che siamo costretti giocoforza ad ascoltare il racconto dell'intervallo e del dopopartita da professionisti del calcio parlato targati Mediaset, gente che si sforza di fare il professionista ma che, in realtà, è tifosa, è tifosa fino al midollo, gente che si propone al pubblico come cronisti e giornalisti sopra le parti. Non che Sky sia meglio, se andiamo a risentire l'attacco di Boban a Conte nell'intervista dopopartita, ma è solo un esempio, se ripensiamo a Massimo Tecca che nella telecronaca di un Fiorentina-Juventus sbottò con "giustizia è fatta" al pareggio dei viola, o alla Capizzi che a SkySport24 ricordava il sequestro di Paparesta senza esitazioni. Oppure vogliamo parlare della Rai e del servizio pubblico?

E' importante domani e anche dopodomani, sì perché non ci sono più più Blanc o Cobolli Gigli a guidare la Juventus e nemmeno, speriamo, ingerenze esterne à la Montezemolo che mediò il ritiro del ricorso al TAR, vera sciagura e sorgente della situazione odierna. Oggi la dirigenza è differente, lo ha dimostrato con i ricorsi in ogni sede per riportare a casa il maltolto, lo si capisce dalle richieste di risarcimento, lo si capisce dalle parole e dagli sguardi. Lo si capisce da come l'allenatore non dica più "Eh beh pazienza" ma risponda senza filtri a Galliani, altro intoccabile che tenta di fare il bello e il cattivo tempo da decenni in serie A il più delle volte riuscendovi, purtroppo.

Oggi, domani e anche dopodomani non dobbiamo permettere a personaggi come Pellegatti di offendere e insultare gratuitamente l'allenatore e i giocatori della Juventus, oggi domani e anche dopodomani non dovremo più accettare di essere aggrediti in campo e fuori dagli avversari, da tutti gli avversari. perché ovunque andiamo, in trasferta, Firenze, Milano, Roma, Napoli, ma persino Palermo e Genova più che "ladri", "dopati" e "sapete solo rubare" non sentiamo. Proprio loro, gente come Moratti, Galliani, Preziosi, De Laurentiis e Zamparini e chi più ne ha più ne metta dovrebbero ripensare a come e quanto hanno aiutato il mondo del calcio italiano prima di permettere ai propri giocatori allenatori e lacchè di sproloquiare.

Sarà dura, veramente dura, soprattutto a palazzo, ma almeno Andrea ci aiuti ad aiutarlo. Cominciamo a lasciare senza commenti i commentatori, cominciamo a far loro assaggiare un po' di calcio senza le parole della Juventus, un sano silenzio stampa, un sano "Moggismo" senza più nemmeno l'appiglio di una scheda telefonica per inventarsi reati e complotti. Rispettare i contratti in essere, fino a quando non scadranno, con il minimo sindacale condito da parole ovvie e ripetitive ed uscire dal loro circo per dare anche la voce alla nostra casa. E questo per iniziare. Che ci regali il sogno di pagare la Juventus per vedere e tifare la Juventus, solo la Juventus, senza intermediari che con la nostra squadra ci campano, lasciamoli a commentare Inter-Napoli o Atalanta-Roma o Siena-Palermo, così si divertono ad annoiarsi. Cominciamo a drizzare le gambe ai cani, soprattutto quelli che abbaiano.

News

Campionato al via: la Juve resta al palo

Juventus-Udinese 0-1 - Il tabellino Juventus: Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner (80' Isla), Pereyra (78' Llorente), Padoin, Pogba, Evra; Mandzukic, Coman (63' Dybala). A disposizione: Neto, Rubinho, Caceres, Rugani...

Caso Catania: “il non-illecito strutturato”

Caso Catania: “il non-illecito strutturato”

Clamoroso al Cibali: il presidente etneo Pulvirenti ha confessato ad un pm di aver comprato, a 100.000 euro l’una, cinque partite dell’ultimo campionato di Serie B. Si tratta di: Varese-Catania, Catania-Trapani, Lat...

Calciopoli, la resa dei conti

Calciopoli, la resa dei conti

Ci siamo. Con la pubblicazione delle motivazioni del giudizio che la Corte di Cassazione aveva emesso il 23 marzo, si conclude la vicenda penale di calciopoli. Quelle motivazioni porteranno a prendere atto anche della conclusio...

Tolleranza zero!

Tolleranza zero!

Il tema di quanto accaduto a Torino prima e durante il derby di domenica 26 aprile 2015 è assai delicato. Se sull'aggressione selvaggia al pullman della Juventus, viste le immagini, era impossibile avere dubbi, non a...

Cosa rimane dopo la Cassazione

Cosa rimane dopo la Cassazione

Nonostante per ora vi sia a disposizione soltanto il dispositivo della sentenza, i soliti giornali colpevolisti della prima ora (tra cui spicca quello di colore rosa), si sono subito affrettati a commentare la decisione dei giu...

Speciale Calciopoli – reloaded: Z, realizziamo i vostri sogni

Speciale Calciopoli – reloaded: Z, realizziamo i vostri sogn…

Nel precedente articolo dello Speciale sulle motivazioni della sentenza d’Appello del processo Calciopoli relative al capo O ("Speciale Calciopoli - reloaded: O, quando telefonare a Biscardi è reato") ci ...

Speciale Calciopoli – reloaded: O, quando telefonare a Biscardi è reato

Speciale Calciopoli – reloaded: O, quando telefonare a Bisca…

Nelle motivazioni della sentenza della sesta sezione della Corte d'Appello di Napoli (presidente Silvana Gentile, consiglieri Roberto Donatiello e Cinzia Apicella) relativa a Calciopoli, curiosamente, il capo d’imputa...

Foto Gallery