Breve e conciso

tifosiLa giornata di oggi o di domani è e sarà più importante di sabato sera, senza ombra di dubbio. Ciò che deve interessarci sono le conseguenze mediatiche e di palazzo susseguenti agli errori arbitrali. Il Milan, proprio per bocca del suo presidente vicario lo aveva annunciato. Ancora una parola fuori posto o dai toni alti e sarà rappresaglia. E ora faccela vede' 'sta rappresaglia quando ti sei rimesso, Adriano!

La prima considerazione da fare è, ricordandomi i consigli per gli acquisti di Cambiaghi, che siamo costretti giocoforza ad ascoltare il racconto dell'intervallo e del dopopartita da professionisti del calcio parlato targati Mediaset, gente che si sforza di fare il professionista ma che, in realtà, è tifosa, è tifosa fino al midollo, gente che si propone al pubblico come cronisti e giornalisti sopra le parti. Non che Sky sia meglio, se andiamo a risentire l'attacco di Boban a Conte nell'intervista dopopartita, ma è solo un esempio, se ripensiamo a Massimo Tecca che nella telecronaca di un Fiorentina-Juventus sbottò con "giustizia è fatta" al pareggio dei viola, o alla Capizzi che a SkySport24 ricordava il sequestro di Paparesta senza esitazioni. Oppure vogliamo parlare della Rai e del servizio pubblico?

E' importante domani e anche dopodomani, sì perché non ci sono più più Blanc o Cobolli Gigli a guidare la Juventus e nemmeno, speriamo, ingerenze esterne à la Montezemolo che mediò il ritiro del ricorso al TAR, vera sciagura e sorgente della situazione odierna. Oggi la dirigenza è differente, lo ha dimostrato con i ricorsi in ogni sede per riportare a casa il maltolto, lo si capisce dalle richieste di risarcimento, lo si capisce dalle parole e dagli sguardi. Lo si capisce da come l'allenatore non dica più "Eh beh pazienza" ma risponda senza filtri a Galliani, altro intoccabile che tenta di fare il bello e il cattivo tempo da decenni in serie A il più delle volte riuscendovi, purtroppo.

Oggi, domani e anche dopodomani non dobbiamo permettere a personaggi come Pellegatti di offendere e insultare gratuitamente l'allenatore e i giocatori della Juventus, oggi domani e anche dopodomani non dovremo più accettare di essere aggrediti in campo e fuori dagli avversari, da tutti gli avversari. perché ovunque andiamo, in trasferta, Firenze, Milano, Roma, Napoli, ma persino Palermo e Genova più che "ladri", "dopati" e "sapete solo rubare" non sentiamo. Proprio loro, gente come Moratti, Galliani, Preziosi, De Laurentiis e Zamparini e chi più ne ha più ne metta dovrebbero ripensare a come e quanto hanno aiutato il mondo del calcio italiano prima di permettere ai propri giocatori allenatori e lacchè di sproloquiare.

Sarà dura, veramente dura, soprattutto a palazzo, ma almeno Andrea ci aiuti ad aiutarlo. Cominciamo a lasciare senza commenti i commentatori, cominciamo a far loro assaggiare un po' di calcio senza le parole della Juventus, un sano silenzio stampa, un sano "Moggismo" senza più nemmeno l'appiglio di una scheda telefonica per inventarsi reati e complotti. Rispettare i contratti in essere, fino a quando non scadranno, con il minimo sindacale condito da parole ovvie e ripetitive ed uscire dal loro circo per dare anche la voce alla nostra casa. E questo per iniziare. Che ci regali il sogno di pagare la Juventus per vedere e tifare la Juventus, solo la Juventus, senza intermediari che con la nostra squadra ci campano, lasciamoli a commentare Inter-Napoli o Atalanta-Roma o Siena-Palermo, così si divertono ad annoiarsi. Cominciamo a drizzare le gambe ai cani, soprattutto quelli che abbaiano.

News

Per Morata lo stop è di 50 giorni.

Per Morata lo stop è di 50 giorni - Espletati gli opportuni accertamenti medici, il sito ufficiale della Juventus ha chiarito la real e entità dell'infortuno patito ieri in allenamento dal neo-acquisto Alvaro Morata. "Al...

C'è poco da stare Allegri...

C'è poco da stare Allegri...

Al mondo esistono, grosso modo, tre categorie di persone: i mediocri, i capaci e gli eccellenti. Si tratta di una considerazione per certi versi approssimativa, ma – non fosse altro perché consente di semplificare ...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Ieri è stata sciolta anche l'ultima riserva: l'11 agosto sarà Demetrio Albertini a contendere a Carlo Tavecchio la poltrona di presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, vacante dal giorno in cui...

Lettera aperta ad Antonio Conte

Lettera aperta ad Antonio Conte

Caro Antonio, questa da te proprio non me l'aspettavo. Le tue dimissioni da allenatore della Juventus che più ho amato in vent'anni di tifo bianconero mi sono piombate addosso come il classico fulmine a ciel ...

Identikit di un Presidente Federale

Identikit di un Presidente Federale

Tavecchio sì, Tavecchio no. E poi Albertini, Vialli, Cannavaro. Chi più ne ha più ne metta. Il caos in cui versa il calcio italiano del post Abete era abbastanza prevedibile. Così come sono prevedibi...

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, il condottiero. Prima soldato in campo, poi generale ai bordi. Partiamo da questo, poi andiamo oltre. Dalle sue dimissioni inaspettate, premature o tardive (a seconda di come la si vuole vedere), fino ad oggi...

Delusione Messi? Mah...

Delusione Messi? Mah...

E' partito il coro dei sedicenti opinionisti. I media italiani compatti a sentenziare: "Fallimento Messi", "Messi nemmeno avvicinabile a Maradona", etc. Gli eventi del passato sono evidentemente avvolti ...

Archivio

Foto Gallery