La Juve soffre e gioisce a Celtic Park

champions03Ok, quando a dicembre l'urna di Nyon riservò alla Juventus gli scozzesi tutti tirammo un sospiro di sollievo.
Però un conto è il pronostico, un altro vincere 3-0 su un campo comunque “caldo”, sul quale non hanno vinto in molti negli ultimi anni.
E l'unica vittoria italiana in casa del Celtic risaliva ai tempi del Milan di Rivera, a fine anni Sessanta.
Ci si era preparati ad un clima da battaglia, e battaglia è stata.
Il Celtic è stato molto diverso da quello che ha affrontato e battuto Benfica, Spartak Mosca e soprattutto Barcellona, che per inciso anche nella gara del Camp Nou impiegò fino al tempo di recupero per risolvere la pratica biancoverde.
Mancava Samaras, vero regista offensivo del gruppo e unico in grado di regalare un minimo di imprevedibilità alla manovra.
Senza il greco, Lennon ha puntato tutto su fisico e ritmo, così i “Bhoys” hanno messo alle strette la Juventus, che per la maggior parte della gara si è fatta troppo schiacciare nei suoi trenta metri difensivi.
Certo, il gol di Matri al primo affondo (grazie ad Ambrose e agli immancabili festeggiamenti per la Coppa d'Africa appena vinta) ha facilitato la serata, ma non credo abbia inciso qualcosa sull'atteggiamento del Celtic, andato sotto a freddo ma pronto a ripartire come se niente fosse.
Sta di fatto che il primo tempo è stato di pura sofferenza, gli scozzesi arrivavano sempre prima su ogni palla, occupavano le fasce laterali e recuperavano facilmente il possesso sulle respinte della difesa juventina.
Che poi non si rischiasse granché è un altro discorso, ma non riuscire ad impostare più di tre azioni offensive pericolose (gol compreso) e perdere immancabilmente palla all'interno della propria metà campo son cose che non fanno parte della cultura della Juve di Conte.
Insomma, nel primo tempo - diciamo la verità - è andata di lusso, e il vantaggio è rimasto tale facendo ricorso a quelle che un tempo erano le armi riconosciute delle squadre italiane in trasferta in terra britannica: difesa e contropiede.
La ripresa è andata meglio, anche se dopo un inizio incoraggiante i ragazzi di Conte arretravano ancora troppo lasciando campo agli avversari che, a dir la verità, non avevano più la stessa incisività del primo tempo.
Ed era comprensibile, visto il ritmo indiavolato tenuto da Brown e compagni nei primi quarantacinque minuti.
Quando nel finale la Juventus è riuscita ad uscire dal guscio, ha confezionato due gol da Juventus: tre passaggi di prima e inserimento del centrocampista che conclude a rete nel caso del gol di Marchisio; recupero palla sulla trequarti avversaria e micidiale tre contro uno con il suggeritore che può servire la punta meglio piazzata sul gol di Vucinic.
I singoli: dei tre centrocampisti centrali Pirlo e Vidal sono quelli rimasti un pochino sotto tono, lasciando le luci della ribalta a Marchisio, già fra i meno peggio nella prima frazione insieme ad un sorprendente Peluso, all'esordio europeo e - per lunghi tratti - persino più spavaldo e sfrontato di molti suoi colleghi più blasonati ed esperti.
Ha fatto bene anche Padoin, entrato nelle azioni dei due gol nel finale, e l'ingresso di Pogba è servito a congelare un match che in verità aveva poco da dire.
Meno bene Lichtsteiner, che ha sofferto molto Izaguirre e le sovrapposizioni di Forrest, hanno sofferto i tre centrali: Bonucci non ha potuto impostare come suo solito, Barzagli è andato in difficoltà sugli inserimenti di Commons mentre Caceres, a pieno agio nel clima da battaglia e perfettamente calato nell'ambientino del Celtic Park, è forse stato il migliore del trio.
Menzione speciale per Gigi Buffon, sicuro nelle poche occasioni in cui è stato impegnato, assolutamente impeccabile negli interventi di routine (vedi: calci piazzati) con i quali ha regalato certezze a compagni messi a dura prova dalla furia biancoverde.
Di Vucinic non mi è piaciuto il primo tempo svogliato ma molto probabilmente figlio delle difficoltà vissute da tutta la squadra, mentre di Matri non posso che dire bene: un gol al primo tentativo, qualche buona giocata e soprattutto un grande assist sul raddoppio.
L'ex cagliaritano aspettava il primo gol europeo e l'ha trovato: ovviamente mi auguro che questo suo momento di grazia si protragga il più a lungo possibile.
Ha esordito Anelka, una manciata di minuti in cui ha tenuto palla a partita ormai finita, ma il solo partecipare ad una partita come questa non può che fargli bene.
Ora, a scanso di grattatine scaramantiche, la qualificazione ai quarti è in archivio e alla Champions League si ricomincerà a pensare ad inizio aprile: un mese e mezzo per schiacciare il pedale dell'acceleratore in campionato e scrollarsi di dosso le residue velleità delle avversarie sul fronte interno.
Velleità vere o presunte, lo vedremo nelle prossime settimane.

 

Commenta la partita sul nostro blog!

News

Vernissage Villar Perosa 2014 - La parola a Elkann, Marotta e Allegri

A Villar Perosa si è potuto ieri assistere al consueto vernissage di inizio stagione: la prima squadra ha sconfitto per 6-1 i ragazzi della Primavera. Le parole di  John Elkann, Giuseppe Marotta e Massimiliano Allegri; e quelle di Chie...

La sfida dei conti: SSC Napoli e Athletic Club Bilbao

La sfida dei conti: SSC Napoli e Athletic Club Bilbao

Dal confronto dei dati di bilancio 2012/2013 di SSC Napoli e Athletic Club di Bilbao risulta evidente la differenza economica, finanziaria e patrimoniale tra i due club a favore del Napoli. In particolare, il Napoli registra un...

La lucidità di Macalli

La lucidità di Macalli

Che Tavecchio e Macalli abbiano molte affinità elettive (ops!) non è certo un mistero. Che i due si facciano forza a vicenda per combattere l'oscuro complotto che vorrebbe ribaltare il voto democratico app...

Soltanto un allenatore

Soltanto un allenatore

Premessa: i tifosi della Juventus dovrebbero sempre ringraziare Antonio Conte per quanto fatto e vinto con la maglia bianconera in tredici anni da giocatore e in tre da allenatore. Era e rimane una figura di assoluto spicco nel...

Antonio, ma sei proprio sicuro sicuro sicuro?

Antonio, ma sei proprio sicuro sicuro sicuro?

A dir la verità, tutta la verità, nient'altro che la verità, anche quella più scomoda, Antonio Conte ci aveva avvertito. In passato ci aveva avvertito che forse un giorno avrebbe potuto sedersi s...

Da Juventino infradito a Juventino tradito

Da Juventino infradito a Juventino tradito

Sottotitolo mediterraneo - Minchia, tre anni (con quella lieve cadenza siciliana)   Gli ultimi tre anni li ho passati in infradito ma non alla maniera di Nicola Legrottaglie, più che altro alla mia maniera. ...

Tavecchio for President!

Tavecchio for President!

Crazeology Serious Mode On. Nelle scorse settimane mi sono permesso un rilassamento estivo particolare, molto divertente, ossia quello di giocare un po' alla mia maniera sul personaggio Carlo Tavecchio e sulle sue acrob...

Foto Gallery