Le priorità del presidente

andrea agnelli"Non escludiamo nulla, potremmo anche andare a giocare in un'altra Lega”.
Sono le parole proferite da Andrea Agnelli ieri a commento della votazione sulla ripartizione di una quota dei diritti televisivi, sfavorevole alla Juve e alle altre società che vantano il maggior numero di tifosi.
Un presidente bianconero agguerritissimo che addirittura minaccia di portare la Juventus via dall’Italia, consapevole che una decisione del genere sarebbe un colpo fatale al già malconcio movimento pallonaro italiano.
Sentire parole del genere in questa circostanza mi fa malissimo, perché affievolisce le mie ultime piccole speranze in un presidente che abbia veramente voglia di ottenere giustizia su Farsopoli.
Erano cinque anni che aspettavo di sentire qualcuno della Juventus proferire parole del genere in relazione alle vicende di Farsopoli e alla clamorosa disparità di trattamento tra la Juventus e le altre società, già palese nel 2006 per chi ha voluto informarsi, ma emersa con forza dirompente negli ultimi due anni durante il dibattimento del processo di Napoli.
La revoca di due scudetti, la retrocessione in serie B e lo smembramento di una squadra che aveva appena schierato otto giocatori nella finale del campionato del mondo, oltre a sporcare indelebilmente l’immagine e la storia della società, hanno avuto conseguenze economiche ben più gravi della sfavorevole ripartizione di una quota di diritti televisivi.
Basti pensare ai costi per ricostruire una squadra di livello paragonabile a quella del 2006, alle numerose mancate partecipazioni alla Champion’s League, ai ridotti introiti dagli sponsor, alla ripartizione di un’altra quota di diritti televisivi legata ai risultati sportivi degli ultimi cinque anni.
Nonostante la Juventus stia pagando tutto questo da diversi anni ormai, e nonostante al momento del suo insediamento a presidente, nel maggio dello scorso anno, a Napoli fossero già “volate le sedie”, Andrea Agnelli non ha mai minacciato di portare la Juventus a giocare in un’altra Lega, non lo ha fatto al momento del suo insediamento, non ne ha parlato in occasione delle interviste rilasciate a Sky in agosto 2010 e a Tuttosport in dicembre 2010, e nemmeno all’assemblea degli azionisti dell’ottobre 2010.
E per quando ha tenuto in serbo le minacce? Per la prima occasione in cui le minacce avessero fatto comodo a coloro che hanno maggiormente beneficiato dell’eliminazione della Juventus in quell’estate maledetta.
Sono queste le priorità del nostro presidente?

News

Per Morata lo stop è di 50 giorni.

Per Morata lo stop è di 50 giorni - Espletati gli opportuni accertamenti medici, il sito ufficiale della Juventus ha chiarito la real e entità dell'infortuno patito ieri in allenamento dal neo-acquisto Alvaro Morata. "Al...

C'è poco da stare Allegri...

C'è poco da stare Allegri...

Al mondo esistono, grosso modo, tre categorie di persone: i mediocri, i capaci e gli eccellenti. Si tratta di una considerazione per certi versi approssimativa, ma – non fosse altro perché consente di semplificare ...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Rinnovamento o restaurazione? Questo è il dilemma...

Ieri è stata sciolta anche l'ultima riserva: l'11 agosto sarà Demetrio Albertini a contendere a Carlo Tavecchio la poltrona di presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, vacante dal giorno in cui...

Lettera aperta ad Antonio Conte

Lettera aperta ad Antonio Conte

Caro Antonio, questa da te proprio non me l'aspettavo. Le tue dimissioni da allenatore della Juventus che più ho amato in vent'anni di tifo bianconero mi sono piombate addosso come il classico fulmine a ciel ...

Identikit di un Presidente Federale

Identikit di un Presidente Federale

Tavecchio sì, Tavecchio no. E poi Albertini, Vialli, Cannavaro. Chi più ne ha più ne metta. Il caos in cui versa il calcio italiano del post Abete era abbastanza prevedibile. Così come sono prevedibi...

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, non ti potrò mai dimenticare

Antonio Conte, il condottiero. Prima soldato in campo, poi generale ai bordi. Partiamo da questo, poi andiamo oltre. Dalle sue dimissioni inaspettate, premature o tardive (a seconda di come la si vuole vedere), fino ad oggi...

Delusione Messi? Mah...

Delusione Messi? Mah...

E' partito il coro dei sedicenti opinionisti. I media italiani compatti a sentenziare: "Fallimento Messi", "Messi nemmeno avvicinabile a Maradona", etc. Gli eventi del passato sono evidentemente avvolti ...

Foto Gallery